Servizio civile universale, è in vigore l’Albo degli enti

  • di Redazione Il Solidale
  • 13 mag 2019
  • SOCIALE

Servizio civile universale, è in vigore l’Albo degli enti

E' in vigore esclusivamente l'Albo degli Enti di Servizio civile universale (Albo SCU). In pari data, infatti, hanno cessato di avere efficacia, ai sensi dell’art. 11 del decreto legislativo 40/2017, i precedenti Albi di servizio civile nazionale (Albi SCN – nazionale, delle Regioni e delle Province autonome).

Attualmente nell’Albo SCU sono iscritti 58 Enti titolari, di cui 38 nella sezione nazionale e 20 nelle sezioni di 11 Regioni, con complessivi 2.223 Enti di accoglienza iscritti. Sono invece 31 le istanze rigettate, mentre risultano 198 domande di iscrizione in fase di esame istruttorio (198 Enti titolari, con 4.245 Enti di accoglienza totali).

Si rammenta che l’Albo SCU è un Albo “aperto”, per il quale è possibile presentare domanda di iscrizione al Dipartimento in qualsiasi momento. Per iscriversi è necessario seguire le indicazioni riportate nella Circolare del 9 maggio 2018, come modificata dalla Circolare del 18 aprile 2019.

In particolare, la modifica del 18 aprile 2019 prevede che, anche dopo la scadenza dei previgenti Albi, gli Enti iscritti agli ex Albi SCN, per procedere alla nuova iscrizione, possano continuare ad estrarre i dati contenuti nel sistema Helios (es. denominazione e indirizzi delle sedi, nominativi delle figure accreditate, etc). Gli stessi Enti possono, inoltre, usufruire dell’autocertificazione per evitare di presentare nuovamente i documenti (statuto, atto costitutivo, dichiarazione delle attività) già in possesso del Dipartimento o delle Regioni/Province autonome, sempre che non siano stati modificati nel corso del tempo; a tal fine si possono utilizzare i modelli di riferimento contenuti negli allegati 4 e 6 alla Circolare del 9 maggio 2018.

Sul sito, nella sezione Enti è già consultabile il nuovo Albo SCU, con l’elenco degli Enti titolari e quello dei rispettivi Enti di accoglienza; l’intera sezione è comunque in fase di rivisitazione  per renderne più agevole la consultazione.

Nella stessa sezione, la voce Banca dati è stata ridenominata Ex Albo SCN e riporta solo gli Enti iscritti ai precedenti Albi del servizio civile nazionale che hanno progetti in fase di realizzazione, progetti da avviare o progetti presentati e in corso di valutazione. Ciascuno di questi Enti continuerà a gestire sul Sistema Helios le attività connesse ai progetti fino alla loro conclusione: da quel momento l’Ente non comparirà più nell’Ex Albo SCN.

Si ricorda, poi, che con la cessazione dell’efficacia degli Albi SCN, solo gli Enti iscritti all’Albo SCU possono presentare programmi di intervento e progetti a seguito di Avvisi pubblicati dal Dipartimento: a tal fine non è sufficiente la sola presentazione della domanda di iscrizione all’Albo SCU ma occorre la conclusione del procedimento, con l’adozione da parte del Dipartimento del decreto di accoglimento dell’istanza.

Si invitano, pertanto, gli Enti che non abbiano ancora richiesto l’iscrizione all’Albo SCU a voler provvedere quanto prima, così da garantire la più ampia e diffusa partecipazione al sistema del servizio civile.

Redazione