Raddusa, la missione della Comunità Neocatecumenale della parrocchia Immacolata Concezione

  • di Redazione Il Solidale
  • 4 giu 2019
  • SOCIALE

Raddusa, la missione della Comunità Neocatecumenale della parrocchia Immacolata Concezione

Domenica 2 giugno scorso si sono conclusi gli incontri che per cinque domeniche hanno visto impegnati, nell’annuncio della Parola Di Dio e del Kerigma, i fratelli della Comunità Neocatecumenale di Raddusa. Nelle cinque domeniche dopo la Santa Pasqua, i fratelli del Cammino Neocatecumenale di Raddusa, accogliendo l’invito di Papa Francesco, hanno avuto la possibilità di dare testimonianza della loro fede nel Signore Gesù crocifisso, morto e risorto ed hanno proclamato la Sua Parola.

Con canti, balli e brevi catechesi accompagnati dalle testimonianze di vita narrate da alcuni fratelli, per cinque domeniche la piazza principale di Raddusa si è animata e la Parola di Dio è stata pronunciata con forza e coraggio, entrando nei cuori di quanti l’hanno ascoltata, allo stesso modo di come è avvenuto in centomila piazze in tutto il mondo. Gli incontri hanno avuto come temi portanti le domande fondamentali che l’uomo di oggi si pone:

“Perchè vivi, che senso ha la tua vita? Chi è Dio per te, che cosa ha fatto e che cosa fa concretamente nella tua vita? Cosa è la Chiesa? Qual è la tua esperienza di Chiesa?” A guidare gli incontri è stato il Parroco della Parrocchia di Raddusa don Pietro Mannuca, che da diversi anni segue con zelo e con impegno il Cammino Neocatecumenale dei fratelli.

Alla conclusione della manifestazione il capo supremo dei diversi gruppi comunitari ha detto che, per quanti volessero proseguire nell’ascolto della Parola Dio, gli incontri continueranno presso i locali dell’ex istituto delle Suore Canossiane che sorge alla spalle della chiesa parrocchiale. Nella foto la testimonianza, nella giornata conclusiva, di uno dei fratelli della Comunità.

Francesco Grassia