A Raddusa il progetto "M.A.D.R.E. T.E.R.R.A." svoltisi due eventi : la “Giornata del Riciclo Ambientale” ed il “Workshop Frutta Secca”

  • di Redazione Il Solidale
  • 18 ott 2022
  • SOCIALE

A Raddusa il progetto "M.A.D.R.E. T.E.R.R.A." svoltisi due eventi : la “Giornata del Riciclo Ambientale” ed il “Workshop Frutta Secca”

(Francesco Grassia) RADDUSA. Nel mese di ottobre sono stati registrati a Raddusa due eventi di notevole importanza socio-culturale. Il primo ha riguardato la realizzazione della “Giornata del Riciclo Ambientale” il secondo ha riguardato il “Workshop sulla Frutta Secca”. Tutti e due gli eventi sono stati organizzati dalla dott.ssa Gaetana Pagana nell’ambito del noto Progetto M.A.D.R.E. T.E.R.R.A. (Multifunzionalità Agricola Delle Risorse di Eccellenza, Tipiche, Esperienziali, Rurali, Relazionali e Ambientali per la zona del Calatino) finanziato dal “Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali”, dall’Assessorato all’Agricoltura ed allo Sviluppo Rurale della Regione Siciliana. La “Giornata del Riciclo Ambientale” si è svolta il 5 ottobre scorso presso il Centro di Accoglienza per Immigrati, sito nella centralissima via Regina Margherita, gestito dalle Cooperative San Francesco e Opera Prossima di Caltagirone, ed ha riguardato la relazione del dott. Giuseppe Di Pietro che ha spiegato ai numerosi presenti i vantaggi della raccolta differenziata, evidenziando come dividere i rifiuti sia “un dovere civico ma anche un obbligo”. Nella sua relazione il dott. Giuseppe Di Pietro ha ricordato la “Giornata Mondiale dell’Ambiente”, celebrata il 5 giugno scorso attraverso un’azione ambientale collettiva promossa dalla Svezia, sottolineando che “per salvare il pianeta occorre che ognuno di noi contribuisca adottando comportamenti responsabili”. Nel corso dell’incontro si è svolto un laboratorio pratico su come carta, vetro e  plastica devono essere raccolte, separatamente e smaltite in modo da permettere il riciclo ed il recupero per dar vita a nuovi prodotti. Il “Workshop Frutta Secca”, si è svolto presso l’azienda della famiglia Capra, sita in contrada “Manca” alla periferia della città, ed è stato realizzato in tre incontri effettuati nei giorni 10-11-12 ottobre, dalle ore 14 alle ore 21, sotto la regia della dott.ssa Gaetana Pagana, che è l’animatrice del progetto. Nelle tre giornate dedicate alla “Frutta Secca” ha relazionato il prof. Salvatore Capra, docente dell’Istituto Professionale Servizi per l’Agricoltura e per lo Sviluppo Rurale di Aidone (En), che ha spiegato le caratteristiche, le proprietà nutrizionali, i benefici e le utilizzazioni delle varie specie di frutta secca, con particolare attenzione rivolta alle mandorle, alle nocciole, alle noci ed al pistacchio. La parte finale del workshop, cioè l’ultimo giorno, è stata caratterizzata dal laboratorio pratico di cucina nel corso del quale sono state preparate varie ricette a base di frutta secca (latte di mandorla, pesto e torta al pistacchio, mandorle al cioccolato e torrone). Da notare, nell’ultima serata, la presenza del dott. Salvatore Franzone, funzionario dell’Ispettorato dell’Agricoltura di Catania. Infine il prof. Salvatore Capra, rivolgendosi al pubblico presente ha detto: “è auspicabile moltiplicare questi tipi di incontri al fine di diffondere la cultura della cooperazione e lo spirito di collaborazione nella comunità raddusana”. La serata si è poi conclusa con i saluti della dott.ssa Gaetana Pagana, animatrice del progetto della Madre Terra. Nella fotografia allegata una parte di partecipanti ai due eventi.