Catania. Al via in Prefettura le attività dei Tavoli tematici dedicati alla prevenzione della devianza giovanile

  • di Redazione Il Solidale
  • 22 gen 2023
  • SOCIALE

Catania. Al via in Prefettura le attività dei Tavoli tematici dedicati alla prevenzione della devianza giovanile

(Redazione) CATANIA Si è svolta in Prefettura, nella mattinata di venerdì 20 gennaio, la prima riunione plenaria dei tre tavoli tematici istituti nell’ambito dell’Osservatorio Metropolitano per la prevenzione della devianza giovanile. Alla riunione, presieduta dal Prefetto di Catania, hanno partecipato il Presidente della Sezione Famiglia della Corte d’Appello di Catania, il Procuratore Distrettuale Aggiunto, il Presidente e il Procuratore presso il Tribunale dei Minori e i delegati di Enti e istituzioni chiamati a far parte dei citati organismi.
In apertura, il Prefetto ha rimarcato i risultati che, nel corso dell’ultimo biennio, l’Osservatorio ha raggiunto, facendo emergere, in tutta la sua gravità, il fenomeno della dispersione scolastica e della devianza giovanile ed intercettando un numero sempre crescente di situazioni di evasione dell’obbligo scolastico. Grazie ai protocolli interistituzionali stipulati nell’ambito dello stesso Osservatorio, si sono, infatti, moltiplicate in maniera esponenziale le segnalazioni di evasione del predetto obbligo, passate nell’arco degli ultimi due anni da poche decine a circa mille. A ciò si è accompagnata una inversione di tendenza dei dati sulla dispersione scolastica che comincia a far registrare dati in flessione. Nel corso dell’incontro sono stati individuati i coordinatori dei tre tavoli tematici che, pur partendo da prospettive diverse, mireranno al comune obiettivo di prevenire la devianza giovanile. Il primo tavolo, dedicato alla povertà educativa e alla dispersione scolastica, sarà coordinato dalla direttrice dell’Ufficio diocesano per la Dispersione Scolastica, prof.ssa Agata Pappalardo, e si occuperà, tra l’altro, anche con il contributo delle associazioni datoriali e dei sindacati, di individuare percorsi dedicati agli studenti al fine di fornire loro un primo orientamento nel mondo del lavoro. Il secondo, pensato per sviluppare proposte di interventi di rigenerazione urbana integrata, finanziabili anche attraverso i fondi del PNRR, sarà coordinato dal prof. Carlo Colloca, docente di sociologia dell'ambiente e del territorio presso l’Università di Catania. Quest’ultimo approfondirà le problematiche delle periferie, intese non solo come spazi urbani marginali, ma anche come luoghi poveri di servizi e occasioni culturali pensati per i giovani. In tali “luoghi” sarà sperimentata una sorta di “affido culturale”, quale metodologia finalizzata a fornire ai ragazzi opportunità di avvicinarsi allo sport, alla cultura e, in genere, a forme di svago positive. Il terzo tavolo, dedicato alla definizione di azioni di prevenzione e contrasto della devianza minorile, sarà coordinato dal Capo di Gabinetto della Prefettura e avrà il compito di individuare nuove e ulteriori forme di educazione alla legalità, promuovendo incontri con Prefettura di Catania Ufficio Territoriale del Governo gli studenti, per far conoscere non solo le Istituzioni, ma anche modelli positivi di riferimento del territorio catanese che contribuiscano alla demistificazione degli esempi negativi con cui i ragazzi si trovano a contatto quotidianamente. In tal senso, un ruolo fondamentale sarà svolto anche dal mondo dell’associazionismo che sarà chiamato a prendere parte ai lavori dei tavoli. Il Prefetto, in conclusione, ha sottolineato come i tre tavoli tematici saranno strettamente interconnessi attraverso il continuo scambio di informazioni ed esperienze per una sempre più efficace azione di prevenzione dei fenomeni di devianza fra i giovani.