"EMERGENZA CALATINO": SIT- IN ALLA PREFETTURA DI CATANIA

  • di Redazione Il Solidale
  • 16 mar 2019
  • Cronaca

"EMERGENZA CALATINO": SIT- IN ALLA PREFETTURA DI CATANIA

Al via il sit-in dinanzi alla Prefettura di Catania, ieri 15 marzo insieme ai lavoratori ed ex lavoratori del Cara di Mineo organizzato dal “Comitato emergenza calatino 2019”. La manifestazione pacifica è iniziata già dalla mattina con le numerose auto sulla catania gela che hanno raggiunto la prefettura con l'obiettivo di dare forza alle istanze, per ottenere l'attenzione delle istituzioni, per sensibilizzare l'opinione pubblica. L’intento del comitato è stato quello di avere l’attenzione e delle risposte concrete da parte di tutte le istituzioni e in particolare del Presidente della Regione affinché possano accogliere le istanze di cui il Comitato già da diversi mesi si fa promotore, e far fronte alla crisi occupazionale che ha colpito il Calatino Sud-Simeto con i licenziamenti, già avvenuti e per quelli futuri, al CARA di Mineo. Due le istanze su cui il Comitato fa leva: la creazione di un bacino occupazionale per i nuovi servizi e per nuovi lavori pubblici, e un percorso preferenziale per i progetti di accoglienza presentati dagli enti locali del Calatino; e l'inclusione del Calatino Sud-Simeto nella Z.E.S. ( Zona economica speciale) che la Regione siciliana sta perimetrando in provincia di Catania. Presenti anche i Sindaci e sindacati come segno di vicinanza per i lavoratori e per quelli che hanno perso il loro posto di lavoro lo scorso settembre. Dalla prefettura arriva la comunicazione di uno studio del report preparato nei giorni scorsi dallo stesso comitato affermando che la necessità di creare un bacino occupazionale delle figure specializzate che hanno lavorato al cara di Mineo

GUARDA IL VIDEO

Francesco Bunetto