“Il Martedì dei cittadini”, appuntamento con i menenini, promosso dal MCL "Pepe" di Mineo

  • di Redazione Il Solidale
  • 17 feb 2020
  • CRONACA

“Il Martedì dei cittadini”, appuntamento con i menenini, promosso dal MCL "Pepe" di Mineo

MINEO - Si chiama “Il Martedì dei cittadini”, l'atteso ciclo di incontri con... e tra... i menenini "attivi e responsabili" -promosso dal Circolo “Don Rosario Pepe” del Movimento Cristiano Lavoratori di Mineo, presieduto da Paolo Ragusa, e dal gruppo consiliare "CambiAmo Mineo", guidato da Giusy Infantino- quale occasione "per riscoprire lo stare bene insieme pensando alla città e al bene comune".-L'incontro si è svolto lunedì 17 febbraio, alle ore 19, presso il Bar Salerno – Ristorante Shalimar, in viale della Rimembranza 5. In una sala gremita di cittadini, oltre a Paolo Ragusa, sono intervenuti Maurizio Ialuna (presidente del Gal Kalat)Alessandro Manzoni (segretario dell'Ordine dei Medici Pediatri della provincia di Catania) e Alessandro Manzoni (consigliere comunale di "CambiAmo Mineo").  In questa occasione sono stati presentati sia i dati di una breve analisi sui dati qualitativi e il conseguente impatto sul saldo demografico registratosi a Mineo negli ultimi tre anni e sia i dati che fanno riferimento invece ai posti di lavoro persi in questo stesso territorio, secondo uno studio effettuato sul livello di disoccupazione della città di Mineo e sulla capacità di riassorbimento dell'ecosistema menenino, secondo il censimento del patronato SIAS locale (statistica 2018/2019).  Nel corso del suo intervento, Paolo Ragusa (che oltre a presiedere il Circolo menenino MCL è vice presidente provinciale e membro del Direttivo regionale MCL) ha affermato che “il ‘Martedì dei cittadini’ chiama a raccolta i menenini attorno ad idee e progetti che possano restituire speranza e futuro a questa comunità, con un metodo diverso che non è quello dell’odio, ma quello della collaborazione. E ciò lo facciamo coinvolgendo alcuni cittadini illustri che possono dare un contributo importante. Lo facciamo da cattolici impegnati in politica, coerenti con l’insegnamento di don Rosario Pepe... un prete di frontiera che viveva qui a Mineo al quale è stato intitolato il nostro circolo... e con il messaggio del Vangelo che due domeniche fa ricordava la necessità e l’impegno che devono avere i cristiani: essere sale della terra e luce del mondo.  L’impegno è quello di essere presenti attraverso le buone opere e una attiva partecipazione alla vita comunitaria. Noi proviamo a farlo e speriamo anche bene, per fare in modo che i buoni frutti possano essere davvero di tutti… Tra queste persone illustri che hanno a cuore la nostra città, una sostiene che ‘Mineo sta implodendo’… E' un’analisi sintetica ma puntuale, che condivido, perchè agli occhi di tutti siamo vittime di una vera e propria regressione sul piano sociale ed economico. Non a caso, abbiamo deciso di presentare stasera i dati statistici che confermano questa triste condizione e che riguardano il mercato del lavoro e l’andamento demografico. Dati da cui si evince il totale immobilismo dell’amministrazione comunale, quando compie delle scelte in maniera sbagliata, come aver tolto il lavoro agli operatori dello SPRAR. Sulla scorta di tutto ciò, noi pensiamo che oggi più che mai sia necessario dare delle risposte e pensare a iniziative che vadano in una direzione diversa. L’antidoto che noi proponiamo è quello della partecipazione civica e della cittadinanza attiva". Per il presidente del Gal Kalat, Maurizio Ialuna, “la partecipazione agli incontri del martedì saranno un’opportunità per divulgare tutti quegli gli strumenti che possono essere messi a disposizione di coloro che intendono realizzare determinati progetti, grazie all’aiuto di determinati finanziamenti. E credo che Mineo possa essere coinvolta in questa ripresa che non è solo economica e personale, a favore dei cittadini e del bene comune. Al momento il quadro generale del Calatino non è positivo. Ad esempio, le rete viaria è ridotta a un colabrodo… Le nostre infrastrutture partono dall’anno zero… E i Comuni calatini vanno ognuno per la propria strada, invece di essere uniti nel rappresentare le esigenze delle nostre comunità. Dobbiamo puntare al nostro futuro e a quello delle nuove generazioni, perché gli strumenti ci sono, basta saperli usare bene. E io sono fiducioso”. Secondo Alessandro Manzoni (segretario provinciale e vice segretario regionale della Federazione Italiana Medici Pediatri) "in un momento in cui c’è una crisi sociale, politica ed economica generalizzata, i piccoli centri sono le vittime più sensibili. Purtroppo è palese che oggi non c'è il dialogo con la politica. Perché molto spesso è viziata da un’altra politica, quella dell’odio. Con questa iniziativa, invece, si dimostra che tutti i cittadini hanno pari opportunità nel proporre, per il bene e l’interesse comune". Ha concluso il consigliere comunale del gruppo “CambiAmo Mineo”, Alessandro Manzoni, il quale si è rivolto ai presenti per sottolineare che "questo ciclo di incontri del 'martedì' saranno per i cittadini di Mineo una vera e propria opportunità per esprimere idee e proposte che possano giovare al nostro paese. E noi saremo la loro voce presso l’amministrazione comunale".   Salvo Cona