Raddusa, rinviata la data di inizio della raccolta differenziata

L’Amministrazione Comunale che aveva deciso, di comune accordo con la Kalat Ambiente , la società che gestisce il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani, di rinviare la data di inizio della raccolta differenziata a dopo le festività locali del mese di settembre, con un volantino pubblico ha informato i cittadini che fino al 6 di  ottobre, è in atto la consegna del contenitore e del materiale informativo per la raccolta differenziata, che avrà inizio a partire dal 9 ottobre prossimo,  presso il punto di distribuzione allestito in uno degli uffici comunali distaccati nei locali del centro polivalente “Papa Giovanni Paolo II° siti al n.76  via Regina Margherita. “Sarà – ha detto il sindaco prof. Giovanni Allegra – una raccolta differenziata “porta a porta spinta” che prevede il ritiro presso ogni singola abitazione delle seguenti frazioni: Spazzatura Organica, che sarà effettuata nei giorni di lunedì, giovedì e sabato; Carta e Cartone, che sarà effettuata nelle settimane dispari del martedì; Vetro, che sarà effettuata nelle settimane pari dello stesso martedì; Plastica e Metalli, che sarà effettuata il mercoledì; Residuale Indifferenziato che sarà ritirato ogni venerdì. All’atto del ritiro del contenitore ad ogni utente sarà consegnato il calendario settimanale e il manuale d’uso contenente le indicazioni per le corrette modalità di conferimento. Pertanto colgo l’occasione per invitare i cittadini utenti alla massima attenzione nella separazione di rifiuti. Una errata differenziazione, infatti, vanificherebbe l’impegno fin qui profuso dall’Amministrazione Comunale e dalla Società Kalat Ambiente che dovrà gestire il servizio”. Sull’argomento ha espresso il suo pensiero anche la giovane assessora alla Igiene Pubblica, dott.ssa Simona Maria Incardona che ha detto “Verrà avviata una “piccola rivoluzione” che segnerà un grande passo avanti in termini di civiltà e di valorizzazione dei rifiuti. Introdurre in servizio di raccolta differenziata nella nostra piccola comunità è stata una delle prerogative che personalmente ho deciso di portare avanti sin dalle prime settimane successive alla mia nomina. Tale sevizio rappresenta un’opportunità di rilievo che potrà dare numerosi vantaggi al nostro paese: benefici ambientali, economici, uso efficiente delle risorse e benefici per la salute, ed è questo il modo migliore per preservare e mantenere le risorse naturali a tutto vantaggio del nostro ambiente e delle generazioni future. Riutilizzare e valorizzare i nostri rifiuti, contribuirà a restituirci un ambiente salubre, naturalmente più ricco e meno inquinato”. La popolazione raddusana, pur riconoscendo le enormi difficoltà iniziali, è pronta a fare squadra per portare il servizio a regime entro il più breve tempo possibile. Già dal prossimo 9 di ottobre, giorno in cui partirà il nuovo servizio, scompariranno i vecchi cassonetti, sempre stracolmi di rifiuti di ogni genere e la città respirerà un’aria più salubre.   
                                                                                                    

Francesco Grassia